Diego Sandri  Rag. Sandri Diego
consulente del lavoro
p. iva 02761080239
tel 0457256088 - fax 0457255665 - info@diegosandri.com
Garda (VR), Via Don Gnocchi 95
Caprino Veronese (VR), Via del Donatore 2
     
 

Lo studio Sandri nasce nel 1997, ad opera del rag. Diego Sandri.Lo studio ha nel suo organico collaboratori dalla pluridecennale esperienza, e si avvale di professionisti sia interni che esterni, per offrire un supporto a 360° nel campo fiscale, tributario, legale e del lavoro.Siamo aperti ad orario continuato dalle 7.00 alle 19.00 dal lunedi al venerdi.

Visita il sito per conoscere in dettaglio lo studio, lo staff, ed i servizi offerti.

Di seguito messaggi novità

 

 

Accertamento

In presenza di una contabilità formalmente regolare, ma intrinsecamente inattendibile per l’antieconomicità del comportamento del contribuente, l’Amministrazione finanziaria può desumere in via induttiva ex artt. 39, comma 1, lett. d), DPR n. 600/73 e 54, commi 2 e 3, DPR n. 633/72 sulla base di presunzioni semplici, purché gravi, precise e concordanti, il reddito del contribuente “utilizzando le incongruenze tra i ricavi, i compensi e i corrispettivi dichiarati e quelli desumibili dalle condizioni di esercizio della specifica attività svolta, incombendo sul contribuente l’onere di fornire la prova contraria e dimostrare la correttezza delle proprie dichiarazioni”. Gli elementi considerati ai fini della presunzione non devono essere necessariamente plurimi; il convincimento del Giudice può infatti fondarsi anche su un elemento unico, purché preciso e grave, la cui valutazione non è sindacabile in sede di legittimità se adeguatamente motivata.

 

libri contabili

con la modifica del comma 4-quater dell’art. 7, DL n. 357/94, è stata introdotta la possibilità, oltre che di tenere, anche di conservare i registri contabili con sistemi elettronici su qualsiasi supporto, anche in difetto di conservazione sostitutiva effettuata ai sensi del Codice dell’Amministrazione digitale.

 

Imposta di bollo

L’imposta di bollo, pari a € 2, apposta tramite contrassegno sulla fattura e addebitata al cliente da un contribuente forfetario per importi superiori a € 77,47 costituisce ricavo / compenso. Tale importo concorre quindi alla determinazione del reddito da assoggettare all’imposta sostitutiva.

 

Prima casa

Le agevolazioni “prima casa” non spettano in caso di trasferimento dell’immobile acquistato con i benefici in esame entro 5 anni dall’acquisto, salvo che il contribuente non proceda ad un nuovo acquisto entro 1 anno dalla cessione dell’immobile agevolato. Comporta la decadenza parziale dall’agevolazione fruita in sede di acquisto anche la costituzione a favore di un terzo, prima dei 5 anni dall’acquisto, del diritto di usufrutto a tempo “determinato” (nel caso di specie, a favore del coniuge per un periodo di 5 anni). La decadenza opera comunque “proporzionalmente al valore del diritto parziario ceduto”.

 

Redditometro

È legittimo l’accertamento tramite redditometro nei confronti di un contribuente che per il periodo d’imposta considerato non ha dichiarato alcun reddito, pur essendo comproprietario con il fratello di un appartamento con garage e proprietario di un’autovettura (nel caso di specie, una Fiat Punto con 9 anni di circolazione e di irrilevante valore economico).

 



December 6, 2022, 1:46 am
Studio Sandri Diego